Fantasmi Metrici: la poesia di Amelia Rosselli

Francesco Brancati

Tombs are full of fools Who gave their life upon command of Romance gone wrong The same old glue And never coming true, never coming true! (Stephen Patrick Morrissey) […] la sua solitudine è popolata di spettri, e gli spettri la popolano di solitudine. (Amelia Rosselli)   Lirica e fantasmi del lirico nella poesia della […]

Leggi tutto

La montagna nelle tragedie greche

Michele Coscia

La montagna è stata, e continua tutt’oggi ad essere, un ambiente naturale carico di significati religiosi, culturali e simbolici. Nella cultura occidentale essa ha infatti rappresentato un luogo “altro” rispetto alla città e alla società civilizzata in genere, divenendo nell’immaginario collettivo un luogo carico di storia e di miti, come anche le storie e le […]

Leggi tutto

Scintille tra Nobel: Luigi Pirandello e lo strano caso del marito di Grazia Deledda (II parte)

Gianfranco Bogliari

Quando si dice il caso… Roma, 5 maggio 1905                                                                                                                                           Illustre Signor Conte,                                                                                                                                La ringrazio vivamente della sua gentile cartolina e della sua bontà a mio riguardo. Aspetterò la risposta di M. Ganderax […].  Io ho ancora bisogno di ajuto, di incoraggiamento: sono ancora giovane, potrò fare ancora molto: ho trent’anni: alla mia età molti […]

Leggi tutto

Scintille tra Nobel: Luigi Pirandello e lo strano caso del marito di Grazia Deledda (I parte)*

Gianfranco Bogliari

*L’articolo  si presenta diviso in due parti.  Nella prima (qui pubblicata) viene ricostruita la vicenda – e conseguente polemica –  fra Luigi Pirandello e Grazia Deledda riguardo  alla pubblicazione del romanzo Suo marito, in cui lo scrittore siciliano  allude (in modo un po’ indiscreto, dobbiamo ammetterlo)  alla vita familiare della  collega sarda. Nella seconda parte […]

Leggi tutto

L’odissea di Fridolin. L’ingombrante presenza di Schnitzler in Eyes Wide Shut

Luigi Cimmino

Il prossimo anno cade il ventennale dell’ultimo film di Stanley Kubrick, Eyes Wide Shut (come gioco di parole potrebbe anche essere tradotto in italiano con “occhi spalanchiusi”) che, oltre a essere l’ultimo film del regista americano, è anche una delle sue opere più pensate e tormentate: Kubrick chiude carriera e vita con un film su […]

Leggi tutto

Philip Roth, lo scrittore di desiderio

Alessandro Clericuzio

  “It stuns me… it stuns me,” è la risposta che Philip Roth ripete a un intervistatore che gli chiede il suo parere sulla morte. Perplesso, sbalordito, scioccato, stupito: tutte sfumature contenute in quel termine quasi onomatopeico. A pochi mesi dalla sua stessa dipartita dal mondo, avvenuta il 25 maggio del 2018, Roth non riesce […]

Leggi tutto

“Dal greto del fiume” di Francesco Pullia

Angelo Di Carlo

Il libro di Francesco Pullia è un testo interessante e complesso, intensamente radicato nell’esistenza dell’autore. È attraversato da un continuo bisogno di fronteggiare, comprendere perdite, separazioni, di elaborare lutti – alcuni per la morte di animali (gatti, cani, ecc.) con cui Pullia vive o ha vissuto a lungo –. Torna di continuo nel testo la […]

Leggi tutto

Quel cuneo tra la luce e l’ombra. Un vento di ponente ci porta le poesie di Angelo Di Carlo

Giuseppe Moscati

Forse due punti di partenza possono essere meglio che uno solo. Primo punto di partenza: Angelo Di Carlo, palermitano d’origine e perugino d’adozione, formatosi filosoficamente (a Roma, presso La Sapienza) e concentratosi via via sempre di più su questioni legate alla psicoterapia – anche grazie ad una docenza lunga e significativa nell’Ateneo perugino presso la […]

Leggi tutto

I poeti ritornano. Sulla poesia di Iosif Brodskij

Matteo Fiorucci

  Quando esci di mattina alle sei, nei campi, a lavorare con il sole che si alza, senti che quel gesto è lo stesso di milioni e milioni di altri essere umani. E’ allora che avverti il senso della solidarietà umana, direi. Se non mi avessero arrestato e condannato, non avrei avuto quest’esperienza, sarei stato […]

Leggi tutto

Invito alla lettura: Adam Johnson, Il Signore degli Orfani

Marcello Marino

  Della Corea del Nord sappiamo pochissimo. Ogni tanto arrivano notizie di esecuzioni sommarie ordinate dal Leader della più Grande Repubblica Democratica del Mondo e di esperimenti nucleari realizzati o minacciati. Sappiamo, certo, che di repubblica e di democratico quel paese non ha nulla, che anzi si tratta di un regime totalitario e che il […]

Leggi tutto

Flannery O’Connor e il lettore ostile

Alessandro Clericuzio

  Nei loro studi teorici su Lettore Modello e Lettore Empirico, Umberto Eco e Wolfgang Iser, autori dei caposaldi della Teoria della Ricezione, non si sono misurati con la produzione letteraria di Flannery O’Connor. Nata e vissuta (1925-1964) nella Bible Belt degli Stati Uniti, la scrittrice stessa non ebbe un rapporto propriamente sereno con la […]

Leggi tutto

Invito alla lettura: Richard Yates, Revolutionary Road

Luigi Cimmino

  All’uscita, nel 2008, di Revolutionary Road, il film di Sam Mendes, è riapparso miracolosamente in libreria l’omonimo romanzo da cui è tratta la pellicola. E non solo in inglese. Minimum fax – Dio benedica le piccole case editrici – ha pubblicato una bella edizione e una buona traduzione del testo di Yates, introdotto fra […]

Leggi tutto

Silvia Haia Antonucci, Giuliana Piperno Beer, Sapere ed essere nella Roma razzista. Gli ebrei nelle scuole e nell’università (1938/1943)

Giorgio Pangaro

  “Il passato è un’immensa pietraia che tanti vorrebbero percorrere come se si trattasse di un’autostrada, mentre altri, pazientemente, vanno di sasso in sasso, e li sollevano, perché hanno bisogno di saper cosa c’è sotto” José Saramago, Il viaggio dell’elefante   Così, pazientemente di sasso in sasso, citando la metafora di Saramago posta in esergo, […]

Leggi tutto

Guardare dentro la memoria comune per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia: il contributo di Leopardi “politico”

Carlo Calvieri

  «L’idea di un popolo si forma da una memoria comune, che deve essere critica per poter guardare lucidamente al passato» ed una memoria comune, a sua volta, si fonda su molteplici istituti. Tra questi il più significativo è forse la letteratura: «l’istituzione che conserva il passato attraverso la parola». Bachtin afferma che per capire […]

Leggi tutto

La poesia necessaria – Primo Levi

Giorgio Pangaro

  «Queste sono poesie necessarie, se mai altre ce ne sono state» Così scriveva Primo Levi, introducendo l’edizione italiana de Il canto del popolo ebreo massacrato di Y. Katzenelson. Le note che seguono prendono spunto da questa affermazione e non vogliono essere null’altro che un invito a leggere le poesie di Levi. Leggerle come parte […]

Leggi tutto

Il “Guerrin Meschino” e il perduto regno della Sibilla Appenninica

Marco Pucciarini

  Gli elementi narrativi trasmessi dal folklore spesso sono come le briciole di pane seminate da Pollicino. Ci aiutano a ritrovare un sentiero. Detto diversamente, ci permettono di risalire ad orizzonti spirituali di lontani cicli culturali, avvolgendoli e facendoli scivolare sino a noi. In questo senso, di notevole interesse è il folklore medievale, o di […]

Leggi tutto

Sandro Penna – La forma del desiderio

Walter Cremonte

  Il viandante, che per caso o per scelta attraversasse la periferia industriale di Perugia, s’imbatterebbe probabilmente nella Via Sandro Penna: un lungo stradone disadorno fiancheggiato da capannoni, magazzini, rimesse, che finisce in un prato rinsecchito, non più campagna e non ancora città. Una volta mi è capitato di proporre, un po’ scherzando ma neanche […]

Leggi tutto

Del gioco impossibile della parola: Borges

Fabio Castellani

  «Tutto trascende tutto ed è più o meno reale di quello che è» Fernando Pessoa, Faust   La letteratura sembra essere ormai indocile alle classificazioni, a una strutturazione che la ricomprenda e la giustifichi all’interno di una visione totale sia del mondo, che del senso del fare umano, sia della produzione artistica in generale. […]

Leggi tutto

Sul Woyzeck di Georg Büchner e su quello di Werner Herzog

Giorgio Pangaro

  Georg Büchner (1813-1837) visse poco più di 23 anni, fece in tempo in tempo a laurearsi in medicina, ottenere le libera docenza a Zurigo, scrivere tre drammi, La Morte di Danton, Leonce e Lena e Woyzeck, una prosa narrativa, Lenz, un pamphlet rivoluzionario, Il Messaggero dell’Assia, e infine, anche grazie anche a quest’ultimo lavoro, […]

Leggi tutto