La Copertina: Danilo Fiorucci

  Danilo Fiorucci è nato a Perugia dove vive e lavora. Si diploma presso l’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia nel 1989 con i docenti Nuvolo, Antonio Gatto, Bruno Corà ed Aldo Iori. Nel 1989 fonda l’Associazione Arti Visive Trebisonda insieme a Moreno Barboni, Lucilla Ragni e Robert Lang. Partecipa come curatore al […]

Leggi tutto

Sottili sfumature del silenzio. Da James Joyce a John Huston

Paolo Valenti

Fin dalla sua uscita, nel 1987, The Dead – Gente di Dublino di John Huston fu salutato come un capolavoro. Non dovette troppo influire su questa valutazione la pressoché immediata morte del regista, da lungo tempo malato ma determinato nel voler girare questo ultimo film, pur se costretto su una sedia a rotelle e attaccato […]

Leggi tutto

Antichità e presente. Intrecci, immagini, intermittenze nel “Fellini Satyricon”. Dettagli per uno sguardo di sbieco

Gian Luca Grassigli

Lasciare libera una storia, nell’atto di riprodurla, da ogni sorta di spiegazioni Benjamin, Il narratore     Studiando il percorso per cui l’immagine del bambino ebreo con le mani alzate sotto la minaccia di un mitra tedesco nel ghetto di Varsavia, da semplice, sconosciuta e anonima testimonianza, sia diventata celeberrima icona della Shoa – e […]

Leggi tutto

Dopo l’11 settembre/Orizzonti cinematografici, sentieri di consapevolezza

Francesca Borrione

Afferma Francois Truffaut che il cinema è «una finestra sul mondo», la cui vista è concessa a tutti e che apre nuovi orizzonti di comprensione e consapevolezza. Quale mondo, però, si presenta davanti agli occhi degli spettatori? Il film può svolgere, più e meglio di qualsiasi altra forma espressiva, un ruolo importante nell’educazione alla tolleranza, […]

Leggi tutto

The End (del cinema) – La mutazione del vampiro

Daniele Dottorini

C’è una domanda, classica e moderna al tempo stesso, che ha attraversato il cinema e la sua critica (e che dà il titolo ad uno dei più bei libri di cinema mai scritti, Che cos’è il cinema? di André Bazin). Ecco, la domanda è, appunto, quella di chi si chiede cosa sia (sia stato, sarà) […]

Leggi tutto

La fine (del cinema) III

Daniele Dottorini

«Diceva André Bazin che il Cinema sostituisce al nostro sguardo un mondo che si accorda ai nostri desideri». È la famosa citazione presente nei titoli di testa “parlati” de Il disprezzo di Jean-Luc Godard. La frase continua a ritornare in mente a chi ha amato il film, così come a chi continua ad amare tout […]

Leggi tutto

Sul Woyzeck di Georg Büchner e su quello di Werner Herzog

Giorgio Pangaro

  Georg Büchner (1813-1837) visse poco più di 23 anni, fece in tempo in tempo a laurearsi in medicina, ottenere le libera docenza a Zurigo, scrivere tre drammi, La Morte di Danton, Leonce e Lena e Woyzeck, una prosa narrativa, Lenz, un pamphlet rivoluzionario, Il Messaggero dell’Assia, e infine, anche grazie anche a quest’ultimo lavoro, […]

Leggi tutto

Vittorio Cottafavi – Alla conquista dell’immagine

Antonio Fabio Familiari

  Tra i tanti registi che hanno arricchito la storia del cinema italiano e la sua considerazione nel mondo, ce ne sono alcuni di cui, almeno fino a qualche tempo fa, non veniva ricordato neanche più il nome nel nostro paese, uno di questi è sicuramente Vittorio Cottafavi. Attivo per più di quarant’anni, Cottafavi rappresenta […]

Leggi tutto

The End o del cinema

Daniele Dottorini

  Per iniziare, questa volta presentiamo tre scene, tre racconti incentrati su una sala cinematografica. Prima scena: Salvatore è un regista famoso. Ha lasciato da molti anni il suo piccolo paese in Sicilia e ora vi è tornato, per rendere omaggio al suo maestro, un vecchio proiezionista, e per assistere alla demolizione della vecchia sala […]

Leggi tutto

Mario Bava. Oggetto e colore, protagonisti del film

Antonio Fabio Familiari

  Anno prolifico il 1960 per il cinema mondiale. Alfred Hitchcock gira Psyco, Stanley Kubrick firma Spartacus, Jean-Luc Godard Fino all’ultimo respiro; in Italia, De Sica, Pietrangeli e Antonioni girano rispettivamente La Ciociara, Adua e le compagne e L’avventura; il cinema d’autore vive una stagione particolarmente felice, l’Italia viene salutata come una grande patria culturale, […]

Leggi tutto

The End (o del cinema)

Daniele Dottorini

  I primi furono i Lumiérè: «Il cinema è un’invenzione senza futuro»; poi Rossellini: «Il cinema è morto»; di seguito arrivarono via via molti altri, in una sequenza di nomi e argomentazioni diversissime tra loro. La storia del cinema è scandita da annunci che ne decretano, in un modo o nell’altro, in una forma o […]

Leggi tutto