Privacy Policy Cinema
Mostra 11 Risultato(i)
scena iniziale di Eyes Wide Shut
Luigi Cimmino Visioni Vol. 10, n. 2 (2018) Letture

L’odissea di Fridolin. L’ingombrante presenza di Schnitzler in Eyes Wide Shut

Il prossimo anno cade il ventennale dell’ultimo film di Stanley Kubrick, Eyes Wide Shut (come gioco di parole potrebbe anche essere tradotto in italiano con “occhi spalanchiusi”) che, oltre a essere l’ultimo film del regista americano, è anche una delle sue opere più pensate e tormentate: Kubrick chiude carriera e vita con un film su …

Lo scrittore Philip K. Dick con i protagonisti di "Follia per Sette Clan" (1967)
Marco Ramacci Visioni Vol. 8, n. 2 (2016)

Da Philip K. Dick a Uwe Boll: la strana parabola dell’adattamento cinematografico

  Spesso, quando si parla di cinema e ci si trova di fronte alla frase “tratto dal romanzo di” molti fruitori della settima arte sobbalzano (e ancor più gli amanti della letteratura, a dire il vero), come se ci si trovasse dinanzi ad un segreto inesplicabile o, peggio ancora, ad un dogma fideistico impossibile da …

The Dead (John Huston, 1987)
Paolo Valenti Visioni Vol. 8, n. 1 (2016)

Sottili sfumature del silenzio. Da James Joyce a John Huston

Fin dalla sua uscita, nel 1987, The Dead – Gente di Dublino di John Huston fu salutato come un capolavoro. Non dovette troppo influire su questa valutazione la pressoché immediata morte del regista, da lungo tempo malato ma determinato nel voler girare questo ultimo film, pur se costretto su una sedia a rotelle e attaccato …

Michael Moore
Francesca Borrione Visioni Vol. 4, n. 1 (2012)

Dopo l’11 settembre/Orizzonti cinematografici, sentieri di consapevolezza

Afferma Francois Truffaut che il cinema è «una finestra sul mondo», la cui vista è concessa a tutti e che apre nuovi orizzonti di comprensione e consapevolezza. Quale mondo, però, si presenta davanti agli occhi degli spettatori? Il film può svolgere, più e meglio di qualsiasi altra forma espressiva, un ruolo importante nell’educazione alla tolleranza, …

André Bazin
Daniele Dottorini Visioni Vol. 4, n. 1 (2012)

The End (del cinema) – La mutazione del vampiro

C’è una domanda, classica e moderna al tempo stesso, che ha attraversato il cinema e la sua critica (e che dà il titolo ad uno dei più bei libri di cinema mai scritti, Che cos’è il cinema? di André Bazin). Ecco, la domanda è, appunto, quella di chi si chiede cosa sia (sia stato, sarà) …

Una scena di "Woyzeck" di Werner Herzog. Protagonista Klaus Kinski
Giorgio Pangaro Visioni Vol. 2, n. 1 (2010) Letture

Sul Woyzeck di Georg Büchner e su quello di Werner Herzog

  Georg Büchner (1813-1837) visse poco più di 23 anni, fece in tempo in tempo a laurearsi in medicina, ottenere le libera docenza a Zurigo, scrivere tre drammi, La Morte di Danton, Leonce e Lena e Woyzeck, una prosa narrativa, Lenz, un pamphlet rivoluzionario, Il Messaggero dell’Assia, e infine, anche grazie anche a quest’ultimo lavoro, …

Il regista Vittorio Cottafavi (1914-1998)
Antonio Fabio Familiari Visioni Vol. 2, n. 1 (2010)

Vittorio Cottafavi – Alla conquista dell’immagine

  Tra i tanti registi che hanno arricchito la storia del cinema italiano e la sua considerazione nel mondo, ce ne sono alcuni di cui, almeno fino a qualche tempo fa, non veniva ricordato neanche più il nome nel nostro paese, uno di questi è sicuramente Vittorio Cottafavi. Attivo per più di quarant’anni, Cottafavi rappresenta …

Scena tratta da "Nuovo Cinema Paradiso" di Giuseppe Tornatore (1988), con Salvatore Cascio (Salvatore da Bambino) e Philippe Noiret (Alfredo)
Daniele Dottorini Visioni Vol. 2, n. 1 (2010)

The End o del cinema

  Per iniziare, questa volta presentiamo tre scene, tre racconti incentrati su una sala cinematografica. Prima scena: Salvatore è un regista famoso. Ha lasciato da molti anni il suo piccolo paese in Sicilia e ora vi è tornato, per rendere omaggio al suo maestro, un vecchio proiezionista, e per assistere alla demolizione della vecchia sala …

Il regista Mario Bava con la macchina da presa
Antonio Fabio Familiari Visioni Vol. 1, n. 1 (2009)

Mario Bava. Oggetto e colore, protagonisti del film

  Anno prolifico il 1960 per il cinema mondiale. Alfred Hitchcock gira Psyco, Stanley Kubrick firma Spartacus, Jean-Luc Godard Fino all’ultimo respiro; in Italia, De Sica, Pietrangeli e Antonioni girano rispettivamente La Ciociara, Adua e le compagne e L’avventura; il cinema d’autore vive una stagione particolarmente felice, l’Italia viene salutata come una grande patria culturale, …