La copertina: Simona Frillici

Simona Frillici

  Nei materiali specchianti (specchi e acciaio inox) ho trovato la possibilità di dare movimento e profondità reale (pur se illusoria) al quadro. Il movimento e la profondità sono illusori, infatti esistono solo nello sguardo di colui che guarda. I materiali specchianti coinvolgono fortemente lo spettatore, che diventa parte dell’opera stessa.   Lo Specchio Fa vedere […]

Leggi tutto

Ma quando vien la sera…

Aldo Peverini

  24 settembre 1961, dal belvedere dei Giardini Carducci di Perugia si vedeva la pianura sottostante brulicare di luci, che senza soluzione di continuità arrivavano ad Assisi e più su fino alla Rocca di Federico II. Autobus, auto, moto, vespe e financo biciclette con le luci accese, davanti all’imbrunire, erano gli autori di quell’immenso serpentone […]

Leggi tutto

Democrazia e tirannide: il laboratorio medievale

Ferdinando Treggiari

  1. Durante il tardo Medioevo l’esperienza politica delle città libere del centro-nord d’Italia – e Perugia tra queste – costituì uno straordinario laboratorio di convivenza civile e di originali dinamiche istituzionali. La narrazione storiografica otto-novecentesca, che ha contrapposto le virtù di quelle esperienze di governo ai vizi dei poteri signorili che le soppiantarono (in […]

Leggi tutto

I legumi dell’Umbria

Renzo Torricelli, Francesco Damiani

All’inizio di questo scritto sento la necessità di fare una piccola precisazione, anche se forse inutile per la maggioranza dei lettori. Mi è capitato più di una volta per il mio lavoro andare alla ricerca dei semi. Li ho cercati e raccolti negli incolti, nei campi degli agricoltori, nei magazzini, nelle cantine (conservati a volte […]

Leggi tutto

Perugia e Ternana tra sogno e realtà

Claudio Cagnazzo

  Per vincere, nel calcio, ci vogliono risorse. Che, nella fattispecie, sono da rintracciarsi, in primis, in una società ben strutturata, formata da professionisti di qualità e guidata da presidenti in grado di supportare economicamente il tutto, ma anche, evidentemente, di dare una direzione in qualche modo politico-amministrativa alla società stessa. E non stupisca il […]

Leggi tutto

Quel cuneo tra la luce e l’ombra. Un vento di ponente ci porta le poesie di Angelo Di Carlo

Giuseppe Moscati

Forse due punti di partenza possono essere meglio che uno solo. Primo punto di partenza: Angelo Di Carlo, palermitano d’origine e perugino d’adozione, formatosi filosoficamente (a Roma, presso La Sapienza) e concentratosi via via sempre di più su questioni legate alla psicoterapia – anche grazie ad una docenza lunga e significativa nell’Ateneo perugino presso la […]

Leggi tutto

Antonio Donghi magico tra i magici

Andrea Baffoni

  Il 1918 decretò la fine della guerra più atroce che fino ad allora l’umanità avesse mai conosciuto. Con essa non cessava solo un drammatico triennio di morte, ma anche quel fervore avanguardista dilagato in Europa agli inizi del Novecento che adesso nessuno voleva più seguire: niente movimenti di rottura né avanguardie a scardinare le […]

Leggi tutto

Una buona occasione. L’atto di cura al termine dell’esistenza

Maurizio Venezi

Mi sono interessato in passato degli aspetti psicologici che entrano in gioco in campo oncologico e ciò è avvenuto subito dopo la morte di mio padre per epatocarcinoma. L’aggettivo che mi sembra più calzante per dare un’idea di quale sia stata la mia esperienza in quella situazione è Devastante. Ciò nonostante, avverto un senso di […]

Leggi tutto

La differenza tra conoscere una strada e conoscere un territorio. In Umbria ri-nasce il turismo slow in moto

Filippo Ceccucci

  Organizzato dal 19 al 22 aprile, il settimo Rally dell’Umbria, che ha aperto la stagione 2018 di “Turismo Adventouring” della Federazione Motociclistica Italiana, ha anticipato di poco l’apertura degli stati generali del turismo in Umbria, promossi dalla Regione, che l’11 maggio, a Foligno, ha riunito attori e stakeholders per scrivere il primo Masterplan triennale […]

Leggi tutto

Arcaici politici

Paolo Palazzeschi

  (scena 1) Aldo si alzò di scatto dalla sedia allontanandosi di qualche passo dal tavolo su cui erano allineati alcuni libri e, in un angolo, una piccola Olivetti teneva incoccato sul rullo un foglio riempito a metà. Mosse alcuni passi in direzione della finestra aperta sul verde del  parco di villa Balestra.  Sembrava, quella […]

Leggi tutto